PERCHE' LO SCIOPERO CONTRO L'INVALSI: DOMANI 7 MAGGIO (PRIMARIA) ED IL 13 (SUPERIORI) SI REPLICA

Ormai sappiamo come vengono usate dal Miur le prove Invalsi. La superficialità ed il nozionismo di origine anglo-sassone, l'inadeguatezza dei test ai programmi ed alla metodologia italiana, l'unificazione dei risultati con quelli delle scuole private (che, da sole, ci fanno perdere venti posti nelle comparazioni con l'estero), tutto ciò serve a dimostrare il presunto "sfascio" della scuola pubblica. La propaganda di qualche editorialista "laudator temporis acti", spiana la strada al sistema de-meritocratico che volevano la Gelmini e Brunetta, per imporre valutazioni burocratiche atte ad incidere sulla busta paga dei docenti.


Con la macchina ispettiva (peraltro oggi completamente latitante) ed il "bipartizan" Indire, l'Invalsi è uno dei tre pilastri pensati per "disciplinare" la scuola e traghettarla verso il sistema retributivo "a fasce". Per la casta burocratica (e sindacal-concertativa), non tener conto dello specifico delle scuole e dei quartieri, imporre prove identiche anche per i diversamente abili servirebbe a stabilire la 'qualità' dei docenti, per identificare chi pagare di meno ancora del, già imposto, più basso salario europeo e mettere alla gogna su internet.
Prove siffatte dovrebbero fornire parvenza di "oggettività" ad un'omologazione dall'alto, quando studiosi del calibro di Giorgio Israel (che ha collaborato sia con Fioroni che con la Gelmini nel Comitato tecnico-Scientifico "per l'elaborazione delle linee strategiche relative alla costruzione di un sistema nazionale di valutazione") ne dichiarano apertamente l'inapplicabilità.
Il metodo stesso di rilevazione, copiato dagli standard formativi dismessi da USA e Canada, perché responsabili di un'omologazione in basso delle competenze degli alunni, è giudicato improprio: "Il processo di valutazione deve essere inteso come un processo culturale e non come un processo manageriale ... esso è totalmente inadeguato in un sistema i cui contenuti sono culturali, non misurabili, non passibili di una definizione oggettiva affidabile alla gestione di 'esperti' esterni" (G. Israel). Tutto ciò deriva dalla vulgata della logica privatistica come panacea di tutti i mali, da quando venne imposta una "carta dei servizi" che definiva lo studente quale "cliente". Per Israel non è che il residuo "di un'idea banalmente sbagliata e cioè che la scuola sia un'azienda fornitrice di beni e servizi e che studenti e famiglie siano l'utenza".
Le prove Invalsi sono anche centralistiche. A fronte di un'incongrua regionalizzazione, che si vorrebbe utilizzare per imporre l'uso del dialetto "lumbard" e costruire avamposti della delirante "scuola nazionale padana", i test non tengono nel minimo conto i differenti POF della scuola dell'autonomia e sono addirittura uguali da Canicattì a Bolzano!
Il carrozzone Invalsi (l'ex Cede di quel Vertecchi che scrisse i quiz per il concorsone di Berlinguer), spesso passato in termini consociativi da una mano all'altra, gode di cospicui finanziamenti, una parte dei quali erogati anche in funzione della somministrazione e della correzione delle schede. Un carico aggiuntivo gratis et amore dei che si cerca d'imporre ai docenti senza che ve ne sia traccia nel contratto nazionale e quando persino gli inventori delle prove (peraltro le più facilmente copiabili in assoluto) sostengono da anni che non solo non dovrebbero coinvolgere il team di classe, ma neppure alcun docente dell'istituto al quale sono proposte. Il metodo Invalsi nasce dall'assoluta sfiducia del "Palazzo" e di certa "Accademia" - che, visto come si colloca a livello internazionale, farebbe meglio a guardare in casa propria - nelle capacità valutative degli insegnanti italiani. Ma si contrappone con arroganza persino al sistema di rilevazione adottato da decenni dall'OCSE, mirato, invece che al nozionismo, alla verifica delle competenze, e che colloca ad esempio la scuola Primaria italiana, da trent'anni, fra il primo ed il sesto posto nel mondo. Farebbero tutti meglio a rileggersi l'art. 33 della Costituzione sulla libertà d'insegnamento, nonché le attribuzioni dei Collegi Docenti, unici ad aver titolo a decidere in materia di didattica e valutazione. Le tante delibere approvate nelle scuole contro le prove Invalsi dovrebbero venire considerate cogenti dal Ministero e dai dirigenti scolastici.
Ma la battaglia è sentita e combattuta anche dagli studenti e dalle famiglie, col netto rifiuto della vergognosa scheda sugli alunni che, se spinge a giudizi sommari e discriminatori su attitudini e personalità, attua persino una rilevazione di censo, istituendo così una sorta di inaccettabile schedatura. Non è altro che la riedizione sotto mentite spoglie del tristemente famoso portfolio di morattiana memoria (insieme al tutor, a suo tempo già rispedito al mittente dai Collegi dei Docenti), preteso dalla parte più retriva del padronato italiano. Un documento che doveva seguire l'individuo per tutta la vita, segnalandone ovviamente le eventuali, "pericolose" propensioni critiche. Oggi siamo alle valutazioni a quiz in stile televisivo che registrano prevalentemente attitudini meramente esecutive e monoprofessionalistiche. I test Invalsi sono il completamento della scuola minimalista prodotta dalla controriforma Gelmini. Valutazioni che ben si addicono, ad esempio, ad un Liceo Scientifico senza il latino, il quale, a proposito di destra e sinistra, starà facendo rigirare nella tomba persino Gentile.

Stefano d'Errico (Segretario nazionale Unicobas Scuola)

Share