PENSIONAMENTI 2017

th16NFR4VYE' stata emanata la circolare applicativa del D.M. 941 del 1° dicembre 2016 che fissa al 20.01.2017 il termine ultimo di presentazione delle dimissioni dal servizio per accedere al trattamento pensionistico.

Coloro che non hanno raggiunto i 20 anni di contribuzione potranno presentare, in forma cartacea, al proprio Dirigente Scolastico richiesta di permanenza in servizio, fino al 70° anno di età anagrafica Dirigente scolastico.

Sempre il 20 gennaio 2017 è la data ultima per trasformare il contratto di lavoro da tempo pieno a part time con contestuale trattamento pensionistico.

I NUOVI REQUISITI per l'accesso al trattamento pensionistico sono di 2 tipi:

 

1) Pensionamento di vecchiaia. Si raggiunge al conseguimento di 66 anni e 7 mesi di età anagrafica entro il 31.08.2017 (pensionamento d'ufficio) o entro il 31.12.2017 (pensionamento a domanda) con un minimo di anni 20 di contribuzione, sia per gli uomini che per le donne;

2) Pensionamento anticipato. E' riservato alle donne che raggiungono 41 anni e 10 mesi di contribuzione entro il 31.12.2017 (compresi i riscatti, le ricongiunzioni, le contribuzioni figurative e le supervalutazioni) e agli uomini che alla stessa data presentano l'anzianità contributiva di 42 anni e 10 mesi.

Si deve possedere tali requisiti senza arrotondamenti.

Coloro che disporranno dei requisiti menzionati e avranno almeno 65 anni di età anagrafica al 31.08.2017, saranno collocati a riposo d'ufficio con atto unilaterale da parte dell'Amministrazione.

OPZIONE DONNA

Per tutte le donne che possiedono al 31.12.2015 un'età anagrafica di 57 anni e mesi 3 ed una contribuzione minima di anni 35, è previsto il pensionamento a decorrere dal 1° settembre 2017 su specifica richiesta e opzione per il calcolo contributivo di tutta l'anzianità posseduta.

REQUISITI POSSEDUTI AL 31.12.2011

I lavoratori della scuola, che possedevano uno dei diversi requisiti richiesti per accedere al trattamento pensionistico con regole precedenti la legge Fornero, al conseguimento del 65° anno di età entro il 31.08.2017 saranno collocati in pensione d'Ufficio

SALVAGUARDIA

Nel comma 265 dell'art. 1 della legge 208 del 28/12/2015 è previsto il pensionamento, secondo le regole pre Fornero, per tutti coloro che nell'anno 2011 hanno assistito figli disabili in situazione di gravità e il 31.12.2015 possedevano quota 97 e mesi 3, di cui età anagrafica minima di anni 61 e mesi 3 e contribuzione minima di anni 35.

Il decreto legge 24.06.2014 n° 90, convertito in legge 114 dell'11.08.2014 ha definitivamente abolito l'art. 16 del D. L.vo 503/1992, non consentendo la permanenza in servizio oltre l'età massima per la vecchiaia (attualmente anni 66 e mesi 7).

E' prevista, però, la permanenza in servizio per un biennio a coloro che sono impegnati con scuole o Università di paesi stranieri in progetti didattici internazionali. Il provvedimento, opportunamente motivato, è concesso dal dirigente scolastico e dal direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale.

PRESENTAZIONE DELLE ISTANZE

Entro la data del 20.01.2017 il personale ATA e docente (i dirigenti scolastici entro il 28.02.2017) potranno presentare le dimissioni dal servizio utilizzando esclusivamente la procedura "on line" del sistema Polis del Miur.

Il personale in servizio all'estero potrà utilizzare anche la modalità cartacea.

Il personale delle province di Trento, Bolzano e Aosta presenterà le domande in modalità cartacea.

Le domande di trattenimento in servizio, per raggiungere il minimo contributivo, dovranno essere presentate in forma cartacea sempre entro il 20.01.2017.

La scuola di appartenenza gestirà le domande convalidandole al SIDI.

Per la presentazione on line delle domande si potranno utilizzare 3 canali:

1) Accedendo direttamente al sito dell'Inps previa registrazione;

2) Utilizzando il Contact Center Integrato (n. 803164);

3) Facendosi assistere dal Patronato

A cura della Commissione

Pensioni e Previdenza

dell'Unicobas Scuola

Share