Note di Paolo Latella sull'incontro avvenuto mercoledì 17 settembre fra una delegazione Unicobas ed alcuni dirigenti MIUR

latellaIeri a Roma durante l'incontro con i dirigenti e funzionari del Miur durato quasi due ore abbiamo discusso di Gae, terza fascia, scuole paritarie con la proposta della Commissione parlamentare d''inchiesta sui diplomifici, assunzioni, quota96, qualità della didattica e la necessità di uscire dal pubblico impiego definendo il Consiglio Superiore della Docenza ripristinando la funzione docente persa dal 1993.

 

Ho ribadito ai presenti che le sentenze del TAR vanno rispettate. A tutt'oggi ho ricordato ai dirigenti e funzionari che il Miur è fuorilegge perchè come da sentenza andrebbero ripristinate le ore di indirizzo e le compresenze cancellate dalla riforma Gelmini-Tremonti. Abbiamo fatto presente come sindacato Unicobas Scuola che la proposta di Renzi ha dei vuoti normativi ed è un taglia e incolla della Proposta di Legge di Valentina Aprea e successivamente modificata dal Pd con Manuela Ghizzoni. Noi abbiamo spiegato che la premialità tanto cara a Renzi e al Ministro Giannini non può basarsi sulle prove Invalsi. Che la "Banca del tempo" di fatto la facciamo già, perchè non viene considerato tutto il tempo che dedichiamo alla preparazione e la correzione degli elaborati. Noi invece vogliamo che venga considerato e retribuito. Che il numero degli ispettori è insufficiente e che la chiamata diretta è pericolosa cancellando la libertà di insegnamento. Abbiamo consegnato una copia del documento di Matteo Renzi con scritte le osservazioni e le criticità presenti che sono tantissime. Che ci spiegassero da dove prenderanno i fondi per le assunzioni degli ipotetici 150 mila docenti che in realtà sarebbero 100 mila prof + 50 mila Ata. Se comunque accadesse noi saremmo contenti ma non soddisfatti perché di fatto metà di questi nuovi assunti non sono altro che il normale ricambio del personale che va in pensione quindi non è una soluzione che cancella il problema del precariato. Abbiamo fatto notare che il Ministro non può dire cancelleremo la terza fascia ma solo sulla carta... È impensabile e scellerato pensare di cancellare la terza e seconda fascia perchè ci sono docenti con 10 e più anni di servizio, non si trattano così gli insegnanti ai quali viene chiesta di spendere 3000 euro per una abilitazione e poi sentirsi dire:" lei non ha più il diritto di insegnare". Perchè hanno aperto la terza fascia dopo che con tre note ministeriali avevano detto il contrario? Abbiamo ribadito infine l'importanza di valorizzare la scuola pubblica laica statale come una delle eccellenze di questo Paese.

Share