Test sierologici:scarso gradimento – assunzioni al palo – uscita la circolare sulle supplenze – lavoratori fragili per ora niente di nuovo – errori in GPS : il ministro precisa

TEST SIEROLOGICI: SCARSO GRADIMENTO

Scarso gradimento da parte del personale della scuola per i test sierologici, fino ad ora le Regioni hanno fatto i test sierologici solo a un quarto di loro. Non è un gran risultato se si considera che il giorno fissato dal ministero alla Salute per chiudere la campagna era ieri. Vista la situazione quasi ovunque si va avanti, e si faranno test fino alla prossima settimana.


A produrre questa situazione ha contribuito anche lo scarso gradimento da parte di alcune associazioni dei medici di famiglia. Arcuri punta ad arrivare almeno al 40-45%
A chi risulta positivo va poi fatto il tampone per verificare se la malattia è in corso oppure se si è manifestata in passato.

ASSUNZIONI AL PALO

Delle 84mila assunzioni promesse ad agosto dalla ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina alla fine sarà un successo se ne arriveranno 24mila facendo schizzare le supplenze a quota oltre 200mila, secondo i dati che i sindacati hanno elaborato
Del tutto inutile anche la call veloce, lo strumento che secondo la ministra Azzolina avrebbe dovuto permettere di coprire, in tempi più rapidi di quelli previsti dal concorso bandito, i posti rimasti vuoti soprattutto al Nord. In Calabria sono arrivate 16 domande, in Molise 7, in Piemonte 30, in Toscana 50, in Puglia 26 e in Friuli 8: un fallimento totale!
Non ci sono cifre migliori sul fronte dei banchi. Arcuri conferma soltanto che un terzo dei banchi monoposto promessi verranno consegnati entro la fine di settembre alle scuole.

USCITA LA CIRCOLARE SULLE SUPPLENZE

Uscita la nota ministeriale 26841/20 che contiene le indicazioni operative in materia di supplenze per il personale docente ed ATA.
Per quanto riguarda il personale docente si conferma quanto contenuto nella news di ieri, per quanto riguarda il peronale ATA ecco in sintesi le notizie principali:
• conferimento di supplenze temporanee fino al 31 dicembre 2020 relativamente ai posti residuati all'esito della procedura di mobilità straordinaria per gli ex LSU;
• attivazione di incarichi di supplenza temporanea per covid anche per il personale amministrativo, tecnico e ausiliario che, in caso di sospensione delle attività didattiche in presenza, si intendono risolti per giusta causa, senza diritto ad alcun indennizzo;
• accettazione di una supplenza annuale o fino al termine dell'attività didattica non preclude all'aspirante di accettare altra proposta di supplenza per diverso profilo professionale, sempre di durata annuale o fino al termine delle attività didattiche;
• rinuncia ad uno spezzone per accettare una supplenza su posto intero, purché al momento della convocazione per lo spezzone non vi fosse disponibilità per posto intero;
• possibilità di differire la presa di servizio per i casi contemplati dalla normativa (es. maternità, malattia, infortunio, etc...);

LAVORATORI FRAGILI PER ORA NIENTE DI NUOVO

Per ora l'unico punto di riferimento rimane la circolare n°13 del ministero della Salute e lo sta per ribadire il ministero dell'Istruzione nel vademecum indirizzato ai dirigenti scolastici con tutte le indicazioni operative.Finora secondo Azzolina sarebbero solo 300 le richieste avanzate. Se i numeri fossero davvero così bassi il trattamento economico per i lavoratori in questione potrebbe essere anche pieno, e dunque equiparato a quello in godimento in caso di lunga malattia.
Intanto che si attende di definire la vicenda dei prof fragili, l'Istruzione ha inviato al Cspi, per il previsto parere, l'ordinanza sugli studenti fragili: la condizione di fragilità, valutata e certificata dal pediatra o dal medico di medicina generale, in raccordo con il Dipartimento di prevenzione territoriale, deve essere tempestivamente comunicata dalla famiglia dell'alunno all'istituzione scolastica.

ERRORI IN GPS: IL MINISTERO PRECISA

Se gli errori commessi dal sistema informatico del ministero dell'istruzione hanno determinato errori nelle graduatorie, gli uffici scolastici devono correggere. Se gli errori del sistema hanno prodotto domande incomplete, gli uffici non devono fare nulla. Queste le disposizioni impartite agli uffici periferici dal ministero dell'istruzione con la nota 1550 del 4 settembre scorso a firma Max Bruschi: «... segnalo l'opportunità, secondo le normali regole che disciplinano ogni procedimento amministrativo, di procedere in autotutela alla rettifica dei punteggi palesemente erronei e all'accoglimento dei reclami manifestamente fondati, fermo restando che ai fini dell'inserimento in graduatoria si deve tenere conto esclusivamente di quanto effettivamente dichiarato dall'aspirante nell'istanza di partecipazione e oggetto delle rigorose verifiche previste».

UNICOBAS Scuola & Università
Aderente alla Confederazione Italiana di Base
Sede regionale via Pieroni 27 – 57123 LIVORNO – Tel. 0586 210116
Sito regionale: www.unicobaslivorno.it e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Share