IL MINISTERO DEL TECNOCRATE BIANCHI, IN CONTEMPORANEA CON LA TERZA FASCIA ATA, FA PARTIRE ANCHE LE DOMANDE DI MOBILITÀ SOTTO PASQUA

Per chi avesse ancora dubbi con quale governo e con quale ministro abbiamo a che fare, ecco la dimostrazione: solo ieri sera il Ministero ha pubblicato le ordinanze sulla mobilità, con delle scadenze che coincidono con quelle delle domande di terza fascia ATA e con le festività pasquali. Scadenze molto stringate per docenti ed ATA che addirittura partivano da ieri, data di pubblicazione dell'ordinanza, diminuendole di un giorno.  Infatti ieri 29 marzo 2021 sono state firmate e pubblicate l’OM 106/2021 e la OM 107/2021 ed entrambe le ordinanze sono state trasmesse con la nota 10112.Per il personale docente le domande potranno essere effettuate dal 29 marzo al 13 aprile 2021. Entro il 19 maggio saranno ultimati gli adempimenti degli uffici periferici del Ministero, i movimenti saranno pubblicati il 7 giugno 2021.       

Il personale educativo potrà presentare domanda di mobilità dal 15 aprile al 5 maggio 2021. Le operazioni saranno concluse entro il 19 maggio, la pubblicazione dei movimenti avverrà l’8 giugno 2021.Per il personale ATA, le domande potranno essere effettuate dal 29 marzo, al 15 aprile 2021. Gli adempimenti degli uffici si svolgeranno entro il 21 maggio, la pubblicazione dei movimenti è fissata per l’11 giugno 2021.Gli insegnanti di Religione Cattolica potranno presentare domanda di mobilità dal 31 marzo al 26 aprile 2021, i movimenti saranno pubblicati il 14 giugno 2021.Il ministero, dopo aver perso tempo per tenere buoni i sindacati pronta firma, ha confermato il blocco quinquennale per i docenti (previsto dalla legge 145/2018 e legge 159/2019), ritardando inutilmente le operazioni e sovrapponendole alle domande di terza fascia ATA, generando così quello che sarà un ingorgo infernale visto che già ieri le istanze on line sono state bloccate per ore solo per le domande di terza fascia ATA.

Contro l'iniquo blocco quinquennale l'Unicobas sta predisponendo un ricorso (vedi il sito nazionale www.unicobas.org )

Share